La missione di Mike Flanagan sembra quella di non farci dormire sonni tranquilli. Il regista di “Oculus – Il riflesso del male” e “Somnia”, porterà nelle nostre sale anche l’horror-sovrannaturale “Ouija 2 – L’origine del male”, prequel di “Ouija”, uscito nel 2014. Il primo capitolo, la protagonista usava la famosa tavoletta, con un gruppo di amici, per parlare ancora con un’amica defunta, con conseguenze devastanti. Partendo da un budget di soli 5 milioni di dollari, la pellicola è riuscita ad incassarne 103.590.271. Ora, invece, Flanagan ci riporta negli anni ’60, dove una mamma e le due figlie ingannano i loro clienti durante alcune sedute spiritiche servendosi, appunto, della famigerata tavoletta. Fino a quando, la figlia più piccola sarà posseduta da un’entità maligna che ha intenzione di uccidere tutti quelli che capitano sul suo cammino. Nel cast, c’è anche Henry Thomas, famoso per aver interpretato il ruolo del piccolo Elliot in “E.T. l'extra-terrestre”, di Steven Spielberg, e che nell’horror di Flanagan sarà nei panni del sacerdote che si recherà a casa della famiglia Zander per verificare di persona cosa sta accadendo. L’angosciante pellicola – prodotto da Michael Bay – arriverà nelle sale italiane a partire dal prossimo 27 ottobre.

La trama

Flanagan ci porta indietro nel tempo, fino al 1965 per raccontarci le disavventure di una madre e delle sue due figlie che si guadagnano da vivere con finte sedute spiritiche. Le donne  entrano in possesso, ed usano per i loro inganni, la famigerata tavoletta Ouija, ma quando la figlia più piccola, Doris, inizierà ad usarla da sola, scopriranno che un'entità maligna si è impossessata di lei e sarà impossibile tornare indietro.

Il cast

Il cast completo del film è composto da: Elizabeth Reaser (Alice Zander), Henry Thomas (sacerdote), Lulu Wilson (Doris), Kate Siegel, Lin Shaye (Paulina Zander), Doug Jones, Annalise Basso (Liza Zander), Parker Mack, Sam Anderson, Alexis G. Zall, Ele Keats, Eve Gordon (Joan), Michael Weaver, Lincoln Melcher (Jack) e Gary Patrick Anderson.