Di recente anche in Italia sembra essersi aperta definitivamente la ferita degli scandali sessuali. Da pochi giorni il nome del regista Fausto Brizzi è finito al centro delle cronache per una serie di accuse mosse nei suoi confronti da diverse attrici, che sostengono di aver subito molestie sessuali in passato da lui. La notizia è stata corroborata da un'approfondita inchiesta de Le Iene, che hanno raccolto le testimonianze anonime di dieci persone che hanno fatto il nome del regista di "Notte prima degli esami", "Maschi contro femmine" e "Femmine contro maschi".

Le parole della moglie di Fausto Brizzi.

Le accuse sono pesantissime ed hanno già portato a conseguenze per la carriera del regista, visto che la Warner ha deciso di interrompere ogni rapporto con l'artista. Ma a sollevare dubbi prima che il nome di Brizzi emergesse, era stata la notizia della separazione tra il regista e sua moglie, Claudia Zanella, che nelle scorse ore ha risposto con un laconico commento riportato dall'agenzia Agi alla bufera sollevatasi in questi giorni

Girano molte voci e tali sono per me. Mia madre non sta bene e questa è la mia priorità ora

Brizzi nega ogni rapporto non consensuale.

La situazione relativa a Fausto Brizzi è in costante aggiornamento, ma per quanto l'attenzione su di lui stia diventando sempre più pressante, il regista continua a negare ogni tipo di accusa. Nonostante pochi giorni fa avesse iniziato a circolare la notizia secondo la quale il regista avrebbe avviato trattative in sede civile con le sue accusatrici in vista di un accordo economico che mettesse a tacere la questione con un risarcimento, lui stesso ha prontamente smentito, affermando

Ho appreso con grande sconcerto dagli articoli apparsi sulle pagine di alcuni quotidiani dell'esistenza di ipotetiche segnalazioni di molestie fatte da persone di cui non viene precisata l'identità. Posso solo affermare, con serenità e sin da ora, che mai e poi mai nella mia vita ho avuto rapporti non consenzienti o condivisi. Per questo, escludo categoricamente di aver conferito mandato legale per trattare il risarcimento del danno in favore di presunte vittime. Procederò in ogni opportuna sede nei confronti di chiunque abbia affermato e affermi il contrario. In via precauzionale, e per evitare strumentalizzazioni, ho sospeso tutte le mie attività lavorative ed imprenditoriali. Chiedo a tutti il massimo rispetto della privacy della mia famiglia e, in particolare, di mia moglie.

L'iniziativa di Fanpage.it con Asia Argento.

In questi ultimi giorni il caso ha preso piede definitivamente anche nel nostro paese. Il tema diventa sempre più pressante e questo giornale ha voluto fare la sua parte, lanciando un'iniziativa insieme ad Asia Argento, ovvero il sostegno alla campagna #metoo. Fanpage.it si espone offrendo sostegno legale alle persone che ritengano di aver subito molestie sessuali. Qui tutte le informazioni per contattarci.