"#ScrivimiAncora” (“Love, Rosie”) è il film di Christian Ditter, uscito nel 2014, tratto dall’omonimo best seller di Cecelia Ahern e racconta la storia di Rosie (Lily Collins) e Alex (Sam Claflin), migliori amici dall'età di 5 anni. I due sognano di viaggiare per il mondo e di lasciare la piccola cittadina in cui vivono per trasferirsi in America e frequentare insieme l'università. Nella realtà, quando si tratta di fare scelte importanti, i due ragazzi sono i peggiori nemici di loro stessi. Tra un imprevisto e un'opportunità mancata, il destino li spingerà inesorabilmente in direzioni opposte. Solo una continua corrispondenza, fatta prima di lettere, poi di email e sms, riesce a preservare il loro speciale legame. Ma quella che sembrava una solida amicizia, che resisterà al passare degli anni, alla distanza e a una serie infinita di relazioni disastrose, nasconde qualcosa di più profondo. Ecco 5 curiosità che non sapevate.

1. L'arco temporale di 12 anni invece di 45

A differenza del romanzo originale di Cecelia Ahern, il film copre un arco temporale di 12 anni invece di 45.

2. Le riprese a Dublino e a Toronto

Le riprese del film si sono svolte a Toronto, dove è stata ricreata Boston, e poi a Dublino, in location bellissime come le dune di Portmarnock Beach, il Fitzpatrick Castle Hotel, Stoneybatter/Arbour Hill  e la periferia di Rathgar.

3. Lily Collins e Sam Claflin sono state le prime scelte della produzione

Lily Collins e Sam Claflin sono stati le prime scelte in assoluto. Il produttore Robert Kulzer aveva già lavorato con la Collins in “Shadowhunters – Città di ossa”(2013), quindi conosceva bene il suo talento, invece Claflin era stato notato da Kulzer in “Pirati dei Caraibi – Oltre i confini del mare”(2011) e “Biancaneve e il cacciatore”(2012).

4. Le foto a casa di Rosie appartengono realmente a Lily Collins

Molte delle foto presenti nella camera di Rosie, a casa dei suoi genitori, appartengono realmente a Lily Collins e ritraggono lei assieme ai suoi veri amici.

5. Il cameo tagliato della scrittrice Cecelia Ahern

La scrittrice Cecelia Ahern aveva un piccolo cameo nel film che è stato poi tagliato dal regista perché, durante la prima proiezione privata del film, il pubblico sussurrava in sala, chiedendosi se quella che vedevano in scena fosse o no la Ahern. Ciò distoglieva l’attenzione da una scena in cui Rosie/Lily Collins dice cose importanti, e quindi alla fine Ditter ha preferito farne a meno.