26 Maggio 2010
14:51

Sono viva, Giovanna Mezzogiorno in un thriller familiare

Esce venerdì 28 Sono viva, noir sociale di Dino e Filippo Gentili, tra tensione e simbolismo con la partecipazione di Giovanna Mezzogiorno.
A cura di Emanuele Rauco
Un'immagine da Sono viva dei fratelli Gentili

Anche qui le solite traversie produttive, fatte di finanziamenti dati e poi tolti e impossibilità di venire distribuiti ma alla fine ce l’hanno fatta, anche grazie alla IrisFilm (la stessa che ha distribuito il documentario sul terremoto Sangue e cemento e il thriller con Claudio Amendola La fisica dell’acqua): Sono viva, film d’esordio di Dino e Filippo Gentili, sceneggiatori e registi televisivi, arriva nelle sale venerdì 28 in una dozzina di sale. Il film racconta di Rocco, un operaio precario a cui si offre un lavoro facile: sorvegliare una ragazza morte fino al mattino successivo, per mille euro. Ma non sarà facile come sembra.

“Fare un film in Italia, specie se un’opera prima come la nostra – afferma uno dei due autori Dino Gentili, è difficile e la nostra disavventura lo dimostra. Ma non sarebbe stato possibile uscirne vivi senza l'eccellenza di tecnici e attori e la loro passione non potremmo fare questo lavoro”. Come spiega la produttrice Laura Cafiero, infatti “il film è stato finanziato con la legge Veltroni, ma con il ministero Urbani e il cambio della legge i film che non avessero passato una revisione non avrebbero avuto soldi. Siccome le leggi non hanno valore retroattivo, noi ci siamo potuti appellare alla legge e vincere la nostra causa”. E fare uscire un film, liberamente ispirato a un racconto di Apuleio, in cui l’incontro e il rapporto con la morte diventa simbolo di una lotta di classe e di una disamina sociale della famiglia, “sul parricidio come atto simbolico di crescita, che al giorno d’oggi non si riesce più a fare”.

Un progetto interessante, specie per i primi tre quarti, grazie a una scrittura concisa, secca, intrigante e una regia attenta agli interstizi tra riflessione, autorialità e genere; poi, l’eccesso di storie e temi fa sfaldare la tenuta del film che però non ripiega nei limiti del cinema medio, ma cerca un respiro anche simbolico ampio. Cast di giovani e emergenti spontanei a cui fa da contro-canto Giovanna Mezzogiorno, fresca di giuria al Festival di Cannes, che ha paragonato il film a un numero di Dylan Dog (di cui sta per uscire il film). Forse esagera, soprattutto perché dubitiamo che Sono viva potrà avere lo stesso successo del fumetto.

Emanuele Rauco

Festival di Cannes, Giovanna Mezzogiorno e Alberto Barbera in giuria
Festival di Cannes, Giovanna Mezzogiorno e Alberto Barbera in giuria
Giovanna Mezzogiorno: no a Muccino, si al cinema indipendente
Giovanna Mezzogiorno: no a Muccino, si al cinema indipendente
Antonella Clerici torna in diretta È sempre Mezzogiorno e spiega come sta
Antonella Clerici torna in diretta È sempre Mezzogiorno e spiega come sta
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni