il coraggioso film muto del festival di Cannes 2011

Durante questa edizione del festival di Cannes 2011 all'attenzione del pubblico sono state portate numerose interessantissime e coraggiose pellicole, al di là di tematiche scomode, come il film sulla morte di Lady Diana, c'è un'altro film che ha fatto parlare di se per coraggio, ma questa volta il coraggio sta proprio nella tecnica usata dalla produzione per girare la pellicola. Con The Artist, Michel Hazanavicius ha deciso di lasciare a bocca aperta tutto il mondo decidendo di girare la sua opera in bianco e nero, ma sopratutto senza audio.

Un film  che sicuramente si prospetta molto difficile per il grande pubblico ma che nonostante tutto ha attirato l'attenzione della Weinstein Company,  tra le società più importanti e abili nel trasformare pellicole particolari in grandi successi. L'Oscar de Il discorso del re, dimostra la capacità della società di intercettare le aspettative della critica e di condizionare il gusto del grande pubblico. La scelta di adoperare il bianco e nero e di girare un film muto, operata da Michel Hazanavicius, non è una scelta voluttuaria o un esercizio di stile, una scelta così particolare va a sottolineare ed enfatizzare la trama imbastita dal regista per The Artist. Protagonista della pellicola, infatti, è una stella in declino del pioneristico mondo del cinema muto. L'avvento del sonoro costringe il grande artista a cimentarsi in una sfida del tutto nuova che non riesce a vincere. Nello stesso momento ad una giovane e bella comparsa, l'avvento del sonoro, apre la strada lastricata d'oro dell'ascesa al successo. La stella nascente e l'astro in declino, s'incontreranno e fatalmente si innamoreranno. La storia d'amore, la frustrazione, l'orgoglio e la fama saranno gli elementi di cui si arricchiranno le vite dei due attori.

The Artist, di cui vi proponiamo oggi il trailer, è di sicuro uno dei film che può a pieno titolo aspirare a conquistare la palma d'oro 2011, nel frattempo la pellicola si è già aggiudicata un piccolo premio andato direttamente a Uggy, il terrier compagno di una vita del protagonista di The Artist. Parliamo del Palm Dog Award, premio istituito nel 2001 per premiare le migliori performance dei cani, veri o animati, presenti nelle pellicole in concorso. Siamo curiosi di sapere se sta sera The Artist si aggiudicherà il titolo di vincitore del festival di Cannes 2011.

https://www.youtube.com/watch?v=EgAvXlG68Y8