Nona giornata alla Mostra del Cinema di Venezia. Tra gli eventi più significativi della kermesse c'è stata la presentazione della serie televisiva ZeroZeroZero, diretta da Stefano Sollima e distribuita da Sky e Canal +. Ispirata all'omonimo best seller scritto da Roberto Saviano, è stata presentata in anteprima mondiale al Lido, dove vengono proiettati solo i primi due episodi. Nel frattempo Sky ha già diffuso alcuni scatti, oltre che il trailer, che già rendono pienamente l'atmosfera che attraversa tutta la serie tv.

Una storia che unisce tre continenti: Africa, America ed Europa, in cui famiglie assetate di potere innescano una spietata guerra le une con le altre. Ed è così che si intrecciano i cartelli messicani, la ‘ndrangheta e uomini d’affari americani corrotti che si contendono la supremazia nella distribuzione di quella che è, tutt'oggi, la merce più venduta al mondo, ovvero la cocaina. Sono otto gli episodi di una delle produzioni più attese dell'anno, che può vantare un cast internazionale, oltre che un gran numero di location strepitose che hanno fatto da ambientazioni durante l'intero anno di riprese.

La trama di ZeroZeroZero

La serie segue il viaggio di un carico di cocaina, dal momento in cui un potente clan della ‘ndrangheta decide di acquistarlo fino a quando viene consegnato e pagato. Attraverso le storie dei suoi personaggi, ZeroZeroZero getta luce sui meccanismi con cui l'economia illegale diventa parte dell'economia legale e come entrambe siano collegate a una spietata logica di potere e controllo che influenza le vite e le relazioni delle persone: i cartelli messicani che gestiscono la produzione di droga, le organizzazioni criminali italiane che ne amministrano la distribuzione in tutto il mondo, e le compagnie americane, al di sopra di ogni sospetto, che controllano la quantità apparentemente infinita di denaro coinvolta in questo giro di affari. Un'epica lotta per il potere si scatena coinvolgendo tutti i livelli di questa gigantesca piramide criminale, dallo spacciatore all'angolo della strada fino al più potente boss della malavita organizzata internazionale, generando un cortocircuito che aumenta il pericolo per ognuno dei partecipanti a questa assurda guerra criminale.

Le note del regista

Non è la prima volta che Stefano Sollima firma la regia di una serie televisiva, una delle sue produzioni più recenti, infatti, è quella di Suburra, arrivata alla sua seconda stagione. Anche qui la criminalità organizzata e gli intrighi politici diventano un tutt'uno, mostrando il marcio di un'umanità senza scrupoli. A supportarlo nella stesura della trasposizione televisiva del romanzo ci sono Leonardo Fasoli e Mauricio Katz, che possono vantare importanti collaborazioni internazionali. È proprio il regista, però, a fornire un'ulteriore chiave di lettura della serie:

Il mercato, la produzione, i consumi, i modi di vivere e i modi di pensare, tutto è connesso in un mondo globale dove un flusso continuo di scambi commerciali porta ogni giorno milioni di merci a milioni di persone. Con ZeroZeroZero raccontiamo i percorsi di una sola di queste merci, forse la più universalmente diffusa, la più trasversalmente consumata, sicuramente la più redditizia. Questa merce è la cocaina, il suo viaggio il nostro viaggio.