11 Aprile 2016
01:00

10 cose di “Transformers 2 – La vendetta del caduto” che ancora non sapevate

Il secondo capitolo dell’amatissima saga sui robottoni della Hasbro, è stato diretto da Michael Bay, nel 2009, e prodotto da Steven Spielberg. Stavolta, il protagonista Sam Witwicky (Shia LaBeouf) sta per partire per il college e, quindi deve separarsi dai genitori, da Mikaela (Megan Fox) e dal suo amico robot Bumblebee. Il ragazzo, però, non sa che la battaglia fra Autobots e Decepticons sta per riprendere e lui sarà il fulcro degli scontri. Ma siete sicuri di sapere tutto?
A cura di Ciro Brandi

Il secondo capitolo della famosa saga dedicata ai robottoni della Hasbro è stato diretto sempre dal visionario Michael Bay – e prodotto da Steven Spielberg – nel 2009. Dopo due anni dal primo film, il protagonista Sam Witwicky (Shia LaBeouf) sta per partire per il college e, quindi deve separarsi dai genitori, da Mikaela (Megan Fox) e dal suo amico robot Bumblebee. Il ragazzo, però, non sa che la battaglia fra Autobots e Decepticons sta per riprendere e lui sarà il fulcro degli scontri. Gli incassi del film sono stati stratosferici, anche se la critica non lo ha apprezzato molto. Tuttavia, ci sono 10 curiosità che non sapete ancora.

1. Il riferimento a "Forrest Gump"

Nella scena in cui il robot Bumblebee cerca di convincere Sam a non consegnarsi ai Decepticon, l'Autobot – attraverso la radio – pronuncia la frase: "Se hai bisogno di qualcosa, non sarò molto lontano”, chiaro riferimento ad una famosa frase detta nel film cult “Forrest Gump”, di Robert Zemeckis.

2. I poster nella stanza di Sam

Nella stanza del college di Sam, si notano i poster di “Cloverfield” e di “Bad Boys II”, entrambi diretti sempre da Michael Bay.

3. L'incidente alla mano di Shia LaBeouf

Nel luglio 2008, Shia LaBeouf e Isabel Lucas ebbero un incidente d’auto. L’attore dovette subire anche un intervento chirurgico ad una mano e siccome le riprese del film dovevano iniziare, Michael Bay fece riscrivere una parte della sceneggiatura a Roberto Orci per includere realmente una ferita alla mano del personaggio, così da poterlo bendare e proteggere.

4. Il tempio El Deir

Il favoloso tempio dove si trova la Matrice del Comando esiste realmente. Si tratta del monastero El Deir, a Petra.

5. Isabel Lucas al posto di Teresa Palmer

L’attrice australiana Teresa Palmer (“The Grudge 2”, “Sono il Numero Quattro”, “L’apprendista stregone”, “Point Break”, “Codice 999”) fu, inizialmente, considerata per il ruolo di Alice. Alla fine, però, il regista scelse la meno nota Isabel Lucas.

6. Matthew Marsden, fan n° 1 dei Trasformers

L’attore Matthew Marsden, nel film nei panni di Graham, è un grande appassionato dei Transformers fin dalla sua infanzia. Infatti, in molte interviste, ha sempre dichiarato di aver divorato i fumetti e di aver amato alla follia il primo capitolo del 2007.

7. Gli "aiutini" di Megan Fox

Megan Fox, nei panni di Mikaela, non era molto abile nel portare la motocicletta. Così, il regista Michael Bay, per evitare di sostituirla con uno stunt, le mise a disposizione una persona che le dava una spinta iniziale per farla patire col piede giusto e, a fine scena, c’era sempre qualcuno pronto a fermare il mezzo.

8. La fantastica colonna sonora: dai Linkin Park agli Hoobastank

Questo secondo capitolo è noto anche per la colonna sonora da urlo. Nel film, infatti, troviamo pezzi dei Linkin Park (“New Divide”), Green Day (“21 Guns”), The Fray (“Never Say Never”), Nickelback  (“Burn It to the Ground”), Hoobastank (“Don't Think I Love”) e tanti altri.

9. Una valanga di Razzies

Il film è stato un grande successo di pubblico, ma ai Razzie Awards del 2009 è stato nominato in sette categorie, vinse quelle al Peggior film, Peggior regista a Michael Bay e Peggior sceneggiatura. Le altre nomination? Peggiore attrice protagonista a Megan Fox, Peggiore attrice non protagonista a Julie White, Peggior coppia a Shia LaBeouf e, a scelta, tra Megan Fox o qualsiasi Transformer, e Peggior prequel, remake, rip-off o sequel.

10. Il budget e gli strepitosi incassi

Il budget del film raggiunse l’enorme cifra di 200 milioni di dollari, ma gli incassi superarono anche quelli del primo film (709.709.000 dollari), arrivando a ben 836.303.693 dollari.

Le 10 cose di “X-Men 2” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “X-Men 2” che ancora non sapevate
Le 10 cose de “Gli Aristogatti” che ancora non sapevate
Le 10 cose de “Gli Aristogatti” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Biancaneve” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Biancaneve” che ancora non sapevate
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni