Tutte le sezioni di Venezia 70

Ieri vi abbiamo mostrato tutti i film in concorso di questa ricchissima 70esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, in programma dal 28 agosto al 7 settembre, e che avrà come madrina la modella Eva Riccobono. Oggi, invece, v’invitiamo a fare attenzione anche alle altre sezioni del Festival, strabordanti di pellicole che potrebbero rivelarsi delle vere sorprese. Ad aprire la kermesse, come saprete, sarà proprio un film della sezione Fuori concorso. Si tratta di “Gravity” di Alfonso Cuarón, di cui vi mostriamo il nuovo e angosciante trailer ad inizio articolo. Nella stessa sezione troviamo, tra gli altri: il film d’animazione made in Japan “Capitan Harlock” di Shinji Aramaki; “Moebius” di Kim Ki-duk, regista di “Pietà, che portò a casa il Leone d’Oro l’anno scorso; “Locke, il documentario su Lance Armstrong di Alex Gibney, con Tom Hardy e poi il discusso “The Canyons”, con Lindsay Lohan e il pornodivo James Deen.

Nella categoria Orizzonti spicca il nome di James Franco, protagonista di “Palo Alto, dramma diretto da Gia Coppola – nipote del grande Francis Ford – con Emma Roberts e Val Kilmer. Uberto Pasolini presenta la comedy-drama inglese “Still Life, incentrata sulla storia di un uomo incaricato di cercare i famigliari di persone morte in solitudine. Il regista statunitense Ti West porta al Lido il suo nuovo gioiellino horror, “The Sacrament, mentre per l’Italia troviamo “Il terzo tempo di Enrico Maria Artale, con Stefania Rocca e Stefano Cassetti, poi “Piccola Patria di Alessandro Rossetto, e “La prima neve di Andrea Segre. Di seguito trovate i film e i registi di tutte le sezioni, inclusi quelli della Settimana della Critica e delle Giornate degli Autori:

Film in concorso

Allouache Merzak – The Rooftops (Algeria/Francia)
Amelio Gianni – L’intrepido (Italia)
Avranas Alexandros – Miss Violence (Grecia)
Curran John – Tracks (Australia/Inghilterra)
Dante Emma – Via Castellana Bandiera (Italia)
Dolan Xavier – Tom à la ferme (Canada)
Franco James – Child of God (Usa)
Frears Stephen – Philomena (Inghilterra)
Garrel Philippe – La jalousie (Francia)
Gilliam Terry – The Zero Theorem (Inghilterra/Usa)
Gitai Amos – Ana Arabia (Israele/Francia)
Glazer Jonathan – Under the Skin (Inghilterra/Usa)
Gordon Green David – Joe (Usa)
Groning Philip – The Police Officer’s Wife (Germania)
Landesman Peter – Parkland (Usa)
Miyazaki Hayao – The Wind Rises (Giappone)
Morris Errol – The Unknown Known (Usa)
Reichardt Kelly – Night Moves (Usa)
Rosi Gianfranco – Sacro GRA (Italia)
Tsai Ming-liang – Stray Dogs (Taiwan)

Fuori concorso

Shinki Aramaki – Space Pirate Captain Harlock (Giappone)
Alfonso Cuarón – Gravity (Usa)
Salvo Cuccia – Summer ‘82 When Zappa Came to Sicily (Italia)
Anna Eborn – Pine Ridge (Danimarca)
Alex Gibney – The Armstrong Lie (Usa)
Miguel Gomes – Redemption (Portogallo)
Kitty Green – Ukraine is not a brothel
Ki-duk Kim – Moebius (Corea del nord)
Steven Knight – Locke (Inghilterra)
Sang-il Lee – Unforgiven (Giappone)
Greg Mclean – Wolf Creek 2 (Australia)
Costanza Quatriglio – Con il fiato sospeso (Italia)
Thierry Ragobert – Amazonia (Francia/Brasile)
Edgar Reitz – Home from home – Chronicle of a vision (Germania)
Paul Rudish, Aarom Springer, Clay Morrow – O Sole Minnie (Gondola) (Usa)
Paul Schrader – The Canyons (Usa)
Ettore Scola – Che strano chiamarsi Federico – Scola Racconta Fellini (Italia)
Mario Sesti, Teho Teardo – La voce di Berlinguer (Italia)
Andrzej Wajda, Ewa Brodzka – Walesa. Man of hope (Polonia)
Bing Wang – Feng Ai (’Tim madness do us part) (Hong Konh/Cina/Francia/Giappone)
Frederick Wiseman – At Berkeley (Usa)

Orizzonti

Valeria Allievi – Quello che resta (Italia)
Serik Aprymov – Little Brother (Kazakhistan)
Enrico Maria Artale – Il terzo tempo (Italia)
Agnès B. – Je m’appelle Hmmm… (Francia)
Riccardo Bernasconi, Francesca REVERDITO – Death for a unicorn (Svizzera)
Shubhashish Bhutiani – Kush (India)
Cécile Bicler – Toutes les belles choses (Francia)
Giorgio Bosisio – Un Pensiero Kalašnikov (Italia/Inghilterra)
Robin Campillo – Eastern Boys (Francia)
Gia Coppola – Palo Alto (Usa)
Amiel Courtin-Wilson, Michael Cody – Ruin (Australia)
Jonas Cuarón – Aningaaq (Usa)
Ignacio Gatica – Blanco (Argentina)
Michael Haussman – The Audition (Italia)
Shahram Mokri – Fish & Cat (Iran)
Lukas Moodysson – We are the best! (Svezia/Danimarca)
Rick Ostermann – Wolfschildren (Germania)
Bülent Öztürk – Houses with small windows (Belgio)
David Pablos – La vida después (Messico)
Santiago Palavecino – Algunas chicas (Argentina)
Andrea Pallaoro – Medeas (Usa/Italia)
Uberto Pasolini – Still Life (Inghilterra)
Manel Raga – La gallina (Spagna)
Alessandro Rossetto – Piccola patria (Italia)
Andrea Segre – La prima neve (Italia)
Shalin Sirkar – Minesh (Sud Africa/Germania/Danimarca)
Sion Sono – Why don’t you play in hell? (Giappone)
Xiaowei Wang – Stagnant water (Cina)
Ti West – The Sacrament (Usa)
Leo Woodhead – Cold snap (Nuova Zelanda)
Lendita Zeqiraj – Ballkoni (Kosovo)

Settimana Della Critica

Film di apertura – Evento Speciale Fuori Concorso

L’arte della felicità (The Art of Happiness) di Alessandro Rak (Italia)

In concorso

L’Armée du salut (Salvation Army/L’esercito della salvezza) di Abdellah Taïa (Francia-Marocco)
Återträffen (The Reunion/La riunione) di Anna Odell (Svezia)
Las niñas Quispe (The Quispe Girls/Le ragazze Quispe) di Sebastián Sepúlveda (Cile-Francia-Argentina)
Razredni sovražnik (Class Enemy/Nemico di classe) di Rok Biček (Slovenia)
White Shadow (Ombra bianca) di Noaz Deshe (Italia-Germania-Tanzania)
Zoran, il mio nipote scemo (Zoran, My Nephew the Idiot) di Matteo Oleotto (Italia-Slovenia)

Film di chiusura – Evento Speciale Fuori Concorso

Las analfabetas (Illiterate/Le analfabete) di Moisés Sepúlveda (Cile)

Giornate degli autori

Selezione ufficiale

Alienation di Milko Lazarov – Opera prima – con Christos Stergioglou, Maria Jikich, Ovanes Torosyan, Iva Ognyanova – Bulgaria, prima mondiale.
La belle vie di Jean Denizot – Opera prima – con Nicolas Bouchaud, Zacharie Chasseriaud, Jules Pélissier, Jean-Philippe Ecoffey, Maya Sansa, Solène Rigot – Francia, prima mondiale
Bethlehem di Yuval Adler – Opera prima – con Shadi Mar’i, Tzachi Halevy, Hitham Omari, Tarek Copti – Israele, prima mondiale
Gerontohilia di Bruce LaBruce – con Walter Borden, Pier-Gabriel Lajoie, Katie Boland, Marie-Hélène Thibault – Canada, prima mondiale
Khawana (“Traitors”) di Sean Gullette – Opera prima – Con Chaimae Ben Acha, Soufia Issami, Mourade Zeguindi, Driss Roukhe, Saleh Bensaleh – Marocco/Stati Uniti, prima mondiale
Kill Your Darlings di John Krokidas – Opera prima – con Daniel Radcliffe, Dane DeHaan, Michael C. Hall, Ben Foster, Jack Huston, Elizabeth Olsen, Jennifer Jason Leigh – Stati Uniti, prima internazionale.
Koksuz (”Nobody’s Home”) di Deniz Akçay Katıksız – Opera prima – con Ahu Türkpençe, Lale Başar, Savaş Alp Başar, Sekvan Serinkaya, Mihriban Er, Melis Ebeler – Turchia, prima internazionale
May in the Summer di Cherien Dabis – con Hiam Abbass, James Garson Chick, Cherien Dabis – Stati Uniti/Qatar/Giordania, prima internazionale
La mia classe di Daniele Gaglianone – con Valerio Mastandrea e la classe – Italia, prima mondiale
La reconstruccion di Juan Taratuto – con Diego Peretti, Claudia Fontán, Alfredo Casero, Maria Casali, Eugenia Aguilar e Ariel Pérez – Argentina, prima internazionale
Rigor Mortis di Juno Mak – Opera prima – con Kara Hui, Siu-hou Chin, Richard Ng – Hong Kong, prima mondiale
Siddharth di Richie Mehta – con Rajesh Tailang, Tannishtha Chatterjee, Anurag Arora, Shobha Sharma Jassi, Geeta Agarwal Sharma, Naseeruddin Shah – India/Canada, prima mondiale