Dal Festival di Cannes 2019, arriva la notizia che tutti aspettavano di sentire: anche "C'era una volta a Hollywood" di Quentin Tarantino sarà in concorso nella 72esima edizione della kermesse, che si terrà dal 14 al 25 maggio. All'annuncio del programma ufficiale, la direzione aveva smentito la presenza della pellicola, ancora in fase di montaggio. A quanto pare, invece, Tarantino riuscirà a completare la post produzione in tempo per portare il film sulla Croisette.

La storia di C'era una volta a Hollywood

Del resto, l'occasione è troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire: Tarantino presenterà "C'era una volta a Hollywood" a 25 anni esatti da quando travolse Cannes con "Pulp Fiction", che vinse la Palma D'Oro. Il film racconta le peripezie di un attore e del suo stuntman nella Hollywood del 1969; sullo sfondo, la tragedia del massacro di Cielo Drive a opera della setta di Charles Manson. Il cast è a dir poco epocale: ci sono Leonardo DiCaprio, Brad Pitt, Margot Robbie (nel ruolo di Sharon Tate), Al Pacino, Emile Hirsch, Bruce Dern, Dakota Fanning, Damian Lewis, Kurt Russell, Tim Roth, Michael Madsen, Timothy Olyphant, James Marsden, Lena Dunham, Scoot McNairy, Damon Herriman e Luke Perry al suo ultimo ruolo sul grande schermo.

In concorso anche Mektoub, My Love: Intermezzo di Kechiche

Oltre al film di Tarantino, un altro titolo si aggiunge alla competizione ufficiale: è quello di "Mektoub my love: Intermezzo" di Abdellatif Kechiche, regista franco-tunisino vincitore della Palma d'Oro con "La vita di Adele". Il suo nuovo film è il seguito di "Mektoub, My Love: Canto Uno", presentato alla Mostra di Venezia 2017. Inoltre, è notizia dell'inserimento nella sezione Un Certain Regard di "La famosa invasione degli orsi in Sicilia", il film di animazione tratto dal libro di Dino Buzzati diretto da Lorenzo Mattotti. Una buona notizia per l'Italia, che porta anche "Il traditore" di Marco Bellocchio in concorso e un mediometraggio di Luca Guadagnino in una sezione collaterale (senza dimenticare la presenza di Alice Rohrwacher in giuria).