Il suo nome è comparso sui giornali di tutto il mondo, in seguito alle accuse di molestie sessuali che gli sono state rivolte con lo scoppiare del movimento MeToo, ma sembra che Kevin Spacey stia cercando di riprendere in mano la sua vita e di ricostruire la sua immagine, danneggiata da attacchi così infamanti che ne hanno minato la visibilità. L'attore è stato immortalato intento ad esibirsi in un concertino per le strade di Siviglia.

La vita di Kevin Spacey dopo l'accusa di molestie

Lo scorso luglio il ragazzo che lo aveva accusato per primo di molestie sessuali, William Little, ha ritirato la denuncia, facendo così decadere l'unico capo d'accusa per il quale fosse possibile avviare un provvedimento penale. I procuratori del Massachusetts, in seguito a questa svolta inaspettata, hanno quindi disposto che cadesse ogni tipo di accusa, nonostante sulla testa dell'attore pesino le imputazioni per le presunte molestie sessuali da parte di sei uomini a Londra e un'altra a Los Angeles. In ogni caso, la legge sembra aver avvalorato la testimonianza di Spacey che, nel dicembre dello scorso anno, si era dichiarato innocente. Dopo un lungo periodo lontano dai riflettori, il protagonista di "House of cards" è tornato a farsi vedere in pubblico liberamente. Dopo la sua apparizione a Roma, con tanto di sorpresa, poiché si è trovato a recitare dei versi dinanzi ad una platea a Palazzo Massimo, ecco che vediamo il divo festante per le strade spagnole.

Il siparietto canoro a Siviglia

L'attore è stato riconosciuto per le strade di Siviglia da un gruppo di universitari, facenti parte del gruppo musicale di stampo folkloristico, Tuna de Derecha. Fermato da uno di loro, che gli ha chiesto di accompagnarli in una esibizione, Kevin Spacey non si è sottratto nel cantare e ballare con il gruppetto, sulle note de "La Bamba". L'attore si è scatenato suonando il mandolino e assecondando la contagiosa allegria andalusa, concedendosi anche agli obiettivi dei curiosi.

Buena noche que pasamos en compañía de Kevin Spacey 👏🏻🍺

A post shared by Tuna de Derecho de Sevilla (@tunaderechosevilla) on