521 CONDIVISIONI
26 Dicembre 2014
11:29

Le 10 cose di “Rapunzel – L’intreccio della torre” che ancora non sapevate

Il 50° classico Disney si basa sulla fiaba tedesca “Raperonzolo”, scritta dai Fratelli Grimm, di cui è una rielaborazione contemporanea e le avventure della dolce, ma risoluta, protagonista hanno fatto sognare milioni di bambine in tutto il mondo. Ecco, allora, 10 cose che vi erano sfuggite.
A cura di Ciro Brandi
521 CONDIVISIONI

Nel 2010, Nathan Greno e Byron Howard diedero vita a quello che oggi è uno dei cult dell’animazione targata Disney. “Rapunzel – L’intreccio della torre” (il titolo originale è “Tangled”) è il 50° classico Disney, secondo il canone ufficiale, e si basa sulla fiaba tedesca “Raperonzolo”, scritta dai Fratelli Grimm, di cui è una rielaborazione contemporanea. In pochissimo tempo, il film ha macinato record su record, e la protagonista è diventata la nuova eroina di milioni di bambine in tutto il mondo. Vediamo, allora, insieme 10 curiosità che non sapevamo ancora.

1. Le voci dei protagonisti

La colonna sonora è stata composta da Alan Menken e Glenn Slater. I testi originali italiani sono invece ad opera di Lorena Brancucci. Tutti i brani originali sono cantati dalla cantautrice e attrice americana Mandy Moore, che dà la voce ufficiale a Rapunzel, e dall'attore Zachary Levi, voce ufficiale di Flynn Rider. Nella versione italiana, Rapunzel ha la voce di Laura Chiatti e Flynn Rider/Eugene Fitzherbert quella di Giampaolo Morelli.

2. La curiosa storia dei registi

I registi Howard e Greno hanno entrambi deciso di diventare animatori dopo una visita dello studio di animazione Disney presso Walt Disney World. Mentre aspettava di essere accettato per il programma, Howard ha lavorato come guida, trascorrendo intere giornate all'esterno e ammirando gli animatori al lavoro da un vetro.

3. Il corto “Rapunzel – Le incredibili nozze”

Nell’agosto 2011, la Disney annunciò di lavorare ad una sorta di sequel del film, un cortometraggio intitolato “Rapunzel – Le incredibili nozze”, che avrebbe voluto trasmettere nella primavera successiva su Disney Channel. Il corto, sempre diretto dagli stessi registi, per l'attesa e la curiosità scatenatesi in rete, ha in seguito fatto cambiare idea alla Disney, che ha preferito farlo esordire negli Stati Uniti d'America al cinema il 13 gennaio 2012 insieme a “La bella e la bestia 3D”. In Italia il corto è stato trasmesso in prima tv su Disney Channel il 24 marzo 2012. La storia riprende proprio dove si era interrotto “Rapunzel – L'intreccio della torre”: Il regno è in festa dopo la scomparsa di Madre Gothel e il popolo si sta radunando per festeggiare le nozze di Rapunzel con Eugene, quando Pascal e Maximus, rispettivamente il camaleonte floreale e il destriero incaricato di portare gli anelli, perdono le due fedi. Si scatena, quindi, la ricerca frenetica per ritrovarle prima che qualcuno si accorga della loro scomparsa. Nell’ impresa si lasceranno alle spalle una scia di guai senza precedenti. Rapunzel e Eugene finalmente ufficializzano il matrimonio, mentre Maximus e Pascal, urtando e facendo scivolare via il tavolo della torta nuziale, fanno presagire nuove gag in arrivo.

4. Incassi da record

Il film è uscito nelle sale americane il 24 novembre 2010, mentre in Italia il 26 novembre. Nella prima settimana in America ha incassato 49.100.000 milioni di dollari, mentre l'incasso totale è stato 199.666.000. In Italia, la prima settimana ha incassato 1.861.000 euro, mentre in totale 10.548.000 euro. In tutto il mondo ha incassato 590.721.936 milioni di dollari, diventando il secondo Classico Disney di maggiore successo nella storia del cinema dopo “Il Re Leone”. Durante il 2013, però, viene superato da “Frozen – Il regno di ghiaccio”, diventando il terzo classico con il maggiore incasso.

5. Gli effetti speciali per la cascata

La cascata che si trova nei pressi della torre è ispirata alle cascate e ruscelli del Parco Nazionale di Yosemite in California. Il supervisore degli effetti ha fatto un viaggio di due giorni e ha filmato più di 150 clip video che sono servite come riferimento al team. I direttori artistici hanno, così, potuto scegliere le caratteristiche che sono piaciute di più. Più di dieci milioni di punti di "gocce" d'acqua sono state usate per la sequenza nel film in cui compare la cascata.

6. Un software ad hoc per i capelli

Per simulare il movimento dei capelli si è resa necessaria la creazione di un software speciale, poiché mai prima di allora era stata necessaria l'animazione di una chioma di tali dimensioni e mai vi era stata una protagonista con così tanti capelli. Kelly Ward, il tecnico prescelto, si è laureato in informatica specializzandosi proprio nello studio dei capelli, settore nel quale lavora da dieci anni.

7. L’incredibile cast animato

Il cast animato di “Rapunzel – L'intreccio della torre”, comprende cinque personaggi principali, 21 criminali e 38 cittadini. Il team Disney per gli effetti ha dovuto creare un organo composto di circa 3.000 persone che conduce la scena mozzafiato e intensa delle lanterne. È la più grande massa di persone che sono state mai create per un film generato al computer.

8. La differenza tra i vestiti di Madre Gothel e Rapunzel

Nel film c’è una differenza sostanziale tra i dettagli dell'abito indossato da Rapunzel e quello indossato dall'antagonista Madre Gothel. Quello di Gothel proviene dal Rinascimento, e risale dunque a quasi 300 anni prima del periodo in cui si svolge il film, ovvero il 1780. Questa scelta è stata fatta nel tentativo di enfatizzare ulteriormente come i due personaggi siano incompatibili tra loro, oltre che a rivelare il segreto della vera età di Madre Gothel.

9. Il murale alle pareti

L'artista Claire Keane, figlia del supervisore ed animatore Glen Keane, ha lavorato sulla pittura e sul disegno narrativo costituendo il murale che adorna le pareti della torre in cui Rapunzel viveva. Nella vita reale, Glen si è ispirato alla figlia per concettualizzare il carattere della protagonista, ricordando la sua

10. La 10ª Principessa Disney

Il 2 ottobre 2011, Rapunzel è stata incoronata ufficialmente la 10ª Principessa Disney durante un evento promozionale tenutosi a Kensington Palace a Londra.

521 CONDIVISIONI
Le 10 cose de “Il principe abusivo” che ancora non sapevate
Le 10 cose de “Il principe abusivo” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Io Sono Leggenda” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Io Sono Leggenda” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Troy” che non sapevate
Le 10 cose di “Troy” che non sapevate
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni