video suggerito
video suggerito

Le 10 super attrici che non hanno mai vinto l’Oscar

10 straordinarie dive del cinema che hanno ricevuto tutti i premi cinematografici, tranne uno, quello più importante: l’Oscar come migliore attrice protagonista (e non). Scopriamole insieme.
A cura di Ciro Brandi
19 CONDIVISIONI
Immagine

Dopo avervi mostrato i 10 attori che non hanno mai vinto l’ambita statuetta dorata, adesso tocca alle dive di prima grandezza del panorama cinematografico mondiale. Sono pezzi da novanta che hanno vinto qualsiasi cosa, tranne il maggior riconoscimento del loro campo. Julianne Moore, Glenn Close, Sharon Stone e altre illustri colleghe gridano vendetta, e speriamo che l’Academy le ascolti, prima o poi.

1 – Glenn Close

Una delle vere ultime dive di Hollywood. La Close ha recitato in film clamorosi come: “Attrazione fatale”, “Le relazioni pericolose”, “La carica dei 101”, “Mars Attacks”, “9 vite da donna” e “Albert Nobbs”, poi nelle serie televisive “The Shield” e “Damages” e nelle produzioni teatrali “Sunset Boulevard” e “La morte e la fanciulla”. Nel corso della sua carriera ha ottenuto 6 nomination all'Oscar, 14 agli Emmy, 13 ai Golden Globe, 8 ai SAG Awards, 9 ai Satellite Awards e una ai BAFTA. Ha anche avuto un'eccellente carriera teatrale con 3 vittorie su 4 nomination ai Tony Awards, una vittoria su 2 nomination al Drama Desk Award e vinto un Obie Award. È stata nominata 3 volte ai Grammy per il suo contributo all'Industria musicale. Ok, datele un Oscar, subito!

Immagine

2 – Julianne Moore

La meravigliosa attrice ottiene la sua prima candidatura all'Oscar come miglior attrice non protagonista, nel 1998, per “Boogie Nights – L'altra Hollywood” di Paul Thomas Anderson e due anni dopo viene nominata nuovamente all'Oscar come miglior attrice per “Fine di una storia”. Nel 2003 ottiene una doppia candidatura all'Oscar, come miglior attrice per “Lontano dal paradiso” diretta ancora da Haynes, per la cui interpretazione però riceve la Coppa Volpi al Festival di Venezia, e come non protagonista per “The Hours”, ma anche questa volta non le viene assegnata l'ambita statuetta. A breve la vedremo nell’horror “Lo sguardo di Satana – Carrie” e, l’anno prossimo, in “Hunger Games – Il canto della rivolta”, nei panni della Presidentessa Alma Coin.

Immagine

3 – Sigourney Weaver

La grande attrice conosce la fama grazie al film “Alien” di Ridley Scott dove interpreta l'unica superstite, Tenente Ellen Ripley, che le assicurò la partecipazione nei seguiti “Aliens – scontro finale” del 1986, per il quale riceve la candidatura all'Oscar come miglior attrice protagonista, “Alien 3” del 1992 e “Alien: la clonazione” del 1997. La Weaver è stata la prima attrice a recitare come protagonista in un film di fantascienza e una delle poche ad esser candidata al Premio Oscar per un film horror e/o fantascientifico. Nel 1989, la candidatura all'Oscar sia come protagonista sia come non protagonista, rispettivamente per “Gorilla nella nebbia” e per “Una donna in carriera”, per il quale ottiene anche la candidatura ai BAFTA è storica. Nel 1993 Jane Campion la scelse per interpretare “Lezioni di piano”, ma il suo agente rifiutò la parte senza consultarla e quando Holly Hunter vinse l'Oscar per il ruolo, la Weaver licenziò subito l'agente. Destino infame.

Immagine

4 – Diane Lane

Un’altra grande stella senza la sua statuetta. Diane Lane ha ricevuto una nomination per la migliore attrice grazie alla sua eccezionale interpretazione in “Unfaithful – L'amore infedele”, con Richard Gere, nel 2002, ma restò a mani vuote. E pensare che l’attrice ha  ottenuto il suo primo successo di pubblico con “I ragazzi della 56ª strada” e “Rusty il selvaggio”, e per un certo periodo fu tra i membri principali di quel gruppo di attori soprannominato brat pack, un gruppo di attori e attrici statunitensi degli anni ottanta che divennero molto popolari interpretando film legati alla cultura degli adolescenti dell'epoca.. Ultimamente l’abbiamo vista ne “L’uomo d’acciaio”.

Immagine

5 – Keira Knightley

La bravissima Keira scopre la popolarità, nel 2002, con il successo inaspettato successo della commedia inglese “Sognando Beckham” e ancor più l'anno seguente, co-protagonista accanto a Johnny Depp e Orlando Bloom nel blockbustrer “Pirati dei Caraibi – La maledizione della prima luna”. Da quel momento la Knightley ha acquisito sempre maggiore popolarità dimostrando anche grandi capacità interpretative, diventando una delle più promettenti attrici del panorama britannico. Ha ottenuto infatti, a soli 21 anni, una nomination agli Oscar per il ruolo di Elizabeth Bennet nel film “Orgoglio e pregiudizio”. Nel 2011 prende parte come protagonista al film di Joe Wright, “Anna Karenina”, ma, per adesso, alla sua bacheca manca il pezzo fondamentale.

Immagine

6 – Michelle Pfeiffer

Il suo debutto sullo schermo è con il film tv “The Solitary Man” mentre l’esordio al cinema avviene nel 1980 con "Ricominciare ad amarsi ancora" a cui fa seguito nel 1981, “Charlie Chan e la maledizione della regina drago”. Il 1982 è l'anno di “Grease 2”, seguito poi dal film culto, diretto da Brian De Palma, “Scarface”, al fianco di Al Pacino. Dopo aver girato decine di film stupendi, le uniche nomination agli Oscar che la meravigliosa attrice ha ricevuto sono state quelle per i ruoli in: “Le relazioni pericolose”, “I favolosi Baker” e “Due sconosciuti, un destino”. Uno scempio.

Immagine

7 – Meg Ryan

La fidanzatina d’America ha conosciuto il successo con “Amityville 3-D” ed esplode poi, nel 1986, con “Top Gun”, il film culto con Tom Cruise. Nel 1989, le fu offerto il ruolo della vita: Sally nella commedia “Harry ti presento Sally”, al fianco di Billy Crystal. Il film sbancò il botteghino e la sua interpretazione ottenne una nomination per il Golden Globe. Nora Ephron, la sceneggiatrice del film, la volle nuovamente con sé per il suo nuovo film, “Insonnia d'amore”, con Tom Hanks. La performance diede alla Ryan la sua seconda candidatura al Golden Globe. Con “C'è posta per te”, ottiene la sua terza collaborazione con Tom Hanks e con la regia di Nora Ephron venne ricomposto il trio vincente. Il film fu promosso dalla critica ed ebbe un enorme successo al botteghino. La Ryan ottenne la sua terza, e ad oggi ultima, candidatura al Golden Globe, ma non ha mai avuto l’Oscar.

Immagine

8 – Sharon Stone

La sexy Stone è diventata famosa a livello internazionale nel 1992, quando uscì il celebre film “Basic Instinct”, che provocò numerose polemiche. Il riconoscimento più importante, però, è arrivato nel 1996, quando ottenne una candidatura al Premio Oscar come migliore attrice protagonista per la sua interpretazione in “Casinò”, di Martin Scorsese, in cui recitava il ruolo della prostituta Ginger. Per lo stesso ruolo vinse anche un Golden Globe e, nel 1997, la rivista Empire la inserì tra le 100 più brave attrici di tutti i tempi.

Immagine

9 – Naomi Watts

Nel 2004 la sua interpretazione nel dramma “21 grammi”, accanto a Benicio Del Toro e Sean Penn, le procura la prima nomination agli Oscar come miglior attrice. Nel 2013 ne riceve un’altra canditura grazie al ruolo di Maria nel film “The Impossible” di Juan Antonio Bayona, sul tremendo tsunami che colpì l’Asia meridionale. A breve la vedremo Nel luglio 2012 “Diana – La storia segreta di Lady D.”, in regista Oliver Hirschbiegel, che ripercorre gli ultimi due anni di vita della Principessa di Galles. Anche in questo caso, l’Academy dovrebbe porre rimedio.

Immagine

10 – Kristin Scott Thomas

La stupenda attrice fu lanciata, nel 1994, dal film “Quattro matrimoni e un funerale” e il ruolo le vale il BAFTA alla migliore attrice non protagonista e diversi premi internazionali. Successivamente recita in “Mission: Impossible” e “Il paziente inglese”. L'interpretazione la consacra definitivamente alla critica e al pubblico. Viene candidata al BAFTA, al Golden Globe, allo Screen Actors Guild Awards e al Premio Oscar. Nel 2013 è stata al Festival di Cannes con “Solo Dio perdona”, di Nicolas Winding Refn, in cui interpreta lo stupendo ruolo della madre vendicatrice di Ryan Gosling, ma, finora, niente Oscar anche per lei.

Immagine
19 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views