Riccardo Milani dirige il suo nono lungometraggio, “Ma cosa ci dice il cervello”, dopo l’enorme successo riscosso con “Come un gatto in tangenziale”. Protagonista della nuova commedia è ancora la bravissima Paola Cortellesi, stavolta nei panni di Giovanna, una donna che si divide tra il suo noioso lavoro al Ministero e il ruolo di mamma. Nessuno sa, però, che in realtà è un agente segreto impegnato in importanti missioni anche all’estero. Quando sarà invitata dai suoi ex amici di liceo per una rimpatriata, si renderà conto che tutti loro, proprio come lei, sono costretti a subire angherie al limite dell’assurdo. Da quel momento, agirà per riportare ordine nella sua vita e in quelle dei suoi amici.

Il regista, autore anche della sceneggiatura scritta in collaborazione con la stessa Cortellesi, Furio Andreotti e Giulia Calenda, sulla sua pellicola – un grido contro l’indifferenza – ha detto quanto segue:

Ogni giorno, assistiamo a notizie come pazienti che picchiano medici, genitori e studenti che reagiscono fisicamente con i professori, in generale avvertiamo questo senso di mancanza di rispetto sulla competenza, con la falsa convinzione che siamo tutti capaci di fare tutto. Noi vogliamo raccontare proprio questo: quanto siamo affezionati al nostro Paese e al contempo pronti a parlarne senza voler nascondere nulla.

Saverio Guarna si è occupato della direzione della fotografia invece il montaggio è stato curato dalla coppia formata da Patrizia Ceresani e Francesco Renda. Le musiche sono state composte da Andrea Guerra. Nel cast ci sono anche Giampaolo Morelli, Stefano Fresi, Vinicio Marchioni, Ricky Memphis, Paola Minaccioni, Claudia Pandolfi, Alessandro Roja e Carla Signoris. “Ma cosa ci dice il cervello” sarà distribuito nei nostri cinema a partire dal prossimo 18 aprile.

La trama

Giovanna è una donna alquanto noiosa, che si divide tra il lavoro al Ministero e sua figlia Martina. in realtà, è un agente segreto, impegnato in pericolose missioni internazionali. In occasione di una rimpatriata con i compagni di liceo, tra ricordi e risate, Giovanna ascolta le storie di ognuno e realizza che tutti, proprio come lei, sono costretti a subire quotidianamente piccole e grandi angherie al limite dell’assurdo. Con tutti i mezzi a sua disposizione e grazie ai più stravaganti travestimenti, darà vita a situazioni esilaranti che serviranno a riportare ordine nella sua vita e in quella delle persone a cui vuole bene.

Il cast

Paola Cortellesi (Giovanna) è ormai la regina della commedia dopo il successo di “Come un gatto in tangenziale”(2017), per cui è stata premiata con il Ciak d’Oro, il Globo d’Oro e il Nastro d’Argento come Miglior attrice protagonista, e quella de “La Befana vien di notte”(2018), di Michele Soavi. Giampaolo Morelli, nel film suo marito, è reduce invece dai successi di “Ammore e malavita”(2017), “A casa tutti bene”(2018) e “L’agenzia dei bugiardi”(2019). Il resto del cast comprende: Stefano Fresi, Tomas Arana, Teco Celio, Remo Girone, Vinicio Marchioni, Lucia Mascino, Ricky Memphis, Paola Minaccioni, Claudia Pandolfi, Alessandro Roja e Carla Signoris.

Le curiosità sul film che dovete sapere

1. Per Paola Cortellesi si tratta del sesto film diretto da suo marito Riccardo Milani dopo “Il posto dell’anima”(2002), “Piano, solo”(2007), “Scusate se esisto!”(2014), “Mamma o papà?”(2017) e “Come un gatto in tangenziale”(2017).

2. Paola Cortellesi ha raccontato che, quando era giovane, ha lavorato davvero (come si vede nel trailer), in un parco a tema come Biancaneve. L’attrice si metteva stesa, in una sorta di teca, e aspettava che i piccoli visitatori la baciassero per risvegliarla.

3. Il grande Remo Girone ha già lavorato con Milani nel film “Benvenuto Presidente!”(2013), dove aveva il ruolo di Morelli, accanto a Claudio Bisio.