1 Settembre 2016
19:23

Salma Hayek, i 50 anni della diva di “Frida” e musa di Robert Rodriguez

La splendida diva messicana, il 2 settembre, compie 50 anni e, negli anni, è riuscita a ritagliarsi un posto d’onore tra le star più importanti di Hollywood. 43 film all’attivo, la Hayek è la musa di Robert Rodriguez e, nel 2002, ha sfiorato l’Oscar grazie allo straordinario “Frida”, diretto da Julie Taymor.
A cura di Ciro Brandi

La prorompente diva messicana, il 2 settembre, compie incredibilmente 50 anni. Partendo dal mondo delle telenovelas, Salma Hayek, negli anni, è riuscita a ritagliarsi un posto d’onore tra le star più importanti del firmamento hollywoodiano, girando 43 pellicole per il grande schermo e 11 tra serie e film tv. Musa di Robert Rodriguez, col quale ha girato 6 film, l’apice del successo lo ha raggiunto, però,  grazie a “Frida”, capolavoro di Julie Taymor, che le regalò la nomination agli Oscar come Migliore attrice protagonista.

Gli esordi e i primi film con Robert Rodriguez

La Hayek è nata a Coatzacoalcos, da un uomo d’affari messicano, di origini libanesi e da una cantante lirica messicana. L’attrice frequenta l’Accademia del Sacro Cuore a New Orleans, in Louisiana , ma viene espulsa per motivi legati al suo comportamento. I genitori la spingono ad iscriversi all’Università di Città del Messico, ma anche in questo caso, la Hayek abbandonerà gli studi per darsi alla recitazione. A 22 anni arriva l’esordio nelle telenovelas “Un nuevo amanecer” e “Teresa”. Il primo film per il grande schermo è, invece, “Mi vida loca”(1993), di Allison Anders, seguito da “Nel cuore della città – Midaq Alley”(1995), diretto da Jorge Fons. La lunga e proficua collaborazione con Robert Rodriguez inizia nel 1995 con “Desperado”, dove la Hayek recita accanto ad Antonio Banderas, e prosegue con la commedia grottesca “Four Rooms”(1995), con Tim Roth e Valeria Golino.

“Dal tramonto all’alba” e “Traffic”

Nel 1996, Rodriguez la vuole ancora per “Dal tramonto all’alba”, cult con George Clooney e Quentin Tarantino, a cui seguiranno “Mela e Tequila – Una pazza storia d’amore con sorpresa”(1997), di Andy Tennant, “Studio 54”(1998) diretto da Mark Christopher e “Amore a doppio senso”(1998), di Dan Ireland. Nello stesso anno, è ancora alla corte di Rodriguez per “The Faculty”, con  Elijah Wood, Jordana Brewster, Clea DuVall, Laura Harris e Josh Hartnett. Altri film di rilievo di questo periodo sono: “Dogma”(1999) di Kevin Smith; “Wild Wild West”(1999) diretto da Barry Sonnenfeld; “Timecode” e “Hotel” di Mike Figgis e il bellissimo e pluripremiato “Traffic”(2000), di Steven Soderbergh.

Il successo di “Frida” e le commedie successive

Nel 2002, l’attrice è la protagonista di “Frida”, diretto da Julie Taymor. La pellicola, basata sulla storia della pittrice Frida Khalo, è un adattamento cinematografico del libro “Frida: A Biography of Frida Kahlo”, di Hayden Herrera e fu presentato al 59esimo Festival di Venezia. La Hayek, per il ruolo, ottenne tantissimi premi e nomination, tra cui quelle al Golden Globe e all’Oscar come Migliore attrice protagonista, raggiungendo, finalmente, la fama mondiale. Successivamente, gira “Missione 3D – Game Over” e “C’era una volta in Messico” (2003) con il suo ormai amico Robert Rodriguez e “After the Sunset”(2004) di Brett Ratner. Sempre nel 2003, l’attrice dirige e produce il film a sfondo civile “The Maldonado Miracle”. Altre pellicole rilevanti sono “Bandidas”(2006), di Joachim Ronning ed Espen Sandberg; “Chiedi alla polvere”(2006) di Robert Towne e “Lonely Hearts”(2007), di Todd Robinson. Nel 2006 compra i diritti della serie colombiana “Betty la fea” e diventa produttrice esecutiva della versione americana, “Ugly Betty”, comparendo anche in alcuni episodi.

“Il racconto dei racconti” e i progetti futuri

Dopo le commedie “Aiuto vampiro”(2009) diretta da Paul Weitz e “Un weekend da bamboccioni”(2010), di Dennis Dugan, gira “Le belve”(2012), con il maestro Oliver Stone e, l’anno dopo, è sul set di “Un weekend da bamboccioni 2”(2013), sequel diretto sempre da Dugan. Negli ultimi due anni, ha girato: “Muppets 2 – Ricercati”(2014) di James Bobin; “Everly”(2014), di Joey Lynch; “Il fidanzato di mia sorella”(2014), diretto da Tom Vaughan e “Il racconto dei racconti – Tale of Tales”(2015), del nostro Matteo Garrone. Nel corso del 2016, sarà la voce originale del personaggio Teresa in “Sausage Party”, di Greg Tiernan e Conrad Vernon e la vedremo nella commedia “Drunk Parents”, accanto ad Alec Baldwin. Per il 2017, ha in cantiere altri tre film: “How To Be a Latin Lover”, “The Hitman’s Bodyguard” e “Beatriz at Dinner”.

Le foto di Salma Hayek
Le foto di Salma Hayek
Helena Bonham Carter, la musa trasformista di Tim Burton compie 50 anni
Helena Bonham Carter, la musa trasformista di Tim Burton compie 50 anni
I 50 anni di Sophie Marceau, per lei “Il tempo delle mele” sembra essersi fermato
I 50 anni di Sophie Marceau, per lei “Il tempo delle mele” sembra essersi fermato
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni