12 Marzo 2010
00:45

The West Wing, i segreti della Casa Bianca

Termina anche in Italia, con qualche anno di ritardo, la splendida serie interpretata da Martin Sheen e creata da Aaron Sorkin che ha dato un nuovo senso alla politica in tv.
A cura di Emanuele Rauco
The_West_Wing

Ce ne ha messo di tempo The West Wing per arrivare in Italia in una programmazione decente e continua. E per farlo, tra rinvii, prime tv alle sei di mattina, giorni variabili e sballati, c’era bisogno dei canali a pagamento del digitale terrestre. E sarà proprio Steel a trasmettere sabato 13 marzo il gran finale della serie, giunta alla settima stagione, dando così l’addio ai pochi ma agguerritissimi fans.

La serie si svolge proprio nell’ala ovest e più in generale nella Casa Bianca, seguendo il lavoro e i problemi tanto del presidente, Josiah Bartlett, quanto del suo staff, analizzando soprattutto il settore cardine della nuova politica, la comunicazione e il rapporto coi media: un prodotto straordinario, appassionante, a tratti illuminante, creato e per lo più sceneggiato dal grande Aaron Sorkin (scrittore anche di Il presidente-Una storia d’amore, con Michael Douglas) prima di passare la mano alla sesta stagione all’altro produttore John Wells.

I due sono riusciti a realizzare un prodotto che lungo 155 episodi parli della politica americana e mondiale, analizzando a fondo la cultura, la società, le istituzioni e la comunicazione in tutte le sue sfaccettature e lo fa però – essendo un prodotto NBC, quindi per il grande pubblico – non dimenticando la forza narrativa e comunicativa, trovando un modo di riflettere e raccontare davvero unico. Come unico è l’apporto di un cast che, dal grande Martin Sheen, tra i protagonisti di Apocalypse Now di Ford Coppola, fino a Bradley Whitford e lo scomparso John Spencer, danno un’ulteriore grande prova della grandezza della tv americana quando trova l’ispirazione.

Emanuele Rauco

Come Kanye West con Ye, anche The Weeknd ha deciso di cambiare il suo nome
Come Kanye West con Ye, anche The Weeknd ha deciso di cambiare il suo nome
The Weeknd contro il Coachella 2022: vorrebbe essere pagato 8 milioni di dollari come Kanye West
The Weeknd contro il Coachella 2022: vorrebbe essere pagato 8 milioni di dollari come Kanye West
Shakira alla Casa Bianca
Shakira alla Casa Bianca
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni