1.196 CONDIVISIONI
16 Maggio 2015
12:02

Le 15 cose di “Harry Potter e la pietra filosofale” che ancora non sapevate

Nel 2001, le sale di tutto il mondo furono invase da “Harry Potter e la pietra filosofale”, diretto da Chris Columbus e adattamento cinematografico dell’omonimo libro, primo episodio della serie scritta dall’autrice britannica J. K. Rowling. Il successo fu clamoroso, i tre piccoli protagonisti balzarono all’onore delle cronache, dando il via ai vari sequel. Ci sono, però, ancora 15 cose che non sapevate.
A cura di Ciro Brandi
1.196 CONDIVISIONI

Nel 2001, il mondo del cinema fu letteralmente travolto dal successo di “Harry Potter e la pietra filosofale” (“Harry Potter and the Philosopher's Stone”, noto anche come “Harry Potter and the Sorcerer's Stone”), diretto da Chris Columbus. La pellicola è l’adattamento cinematografico dell'omonimo libro, primo episodio della serie di Harry Potter, scritta dall'autrice britannica J. K. Rowling, sceneggiato da Steven Kloves e prodotto da David Heyman. La storia narra del primo anno di Harry Potter a Hogwarts dove scopre di essere un mago famoso e inizia la sua istruzione magica. I piccoli protagonisti – Daniel Radcliffe (Harry Potter) Rupert Grint (Ron Weasley) ed Emma Watson (Hermione Granger) da allora sono diventati delle star di prim’ordine, ricercati dai maggiori registi internazionali. Tuttavia, ci sono ancora 15 cose sul film che dovete ancora sapere.

1. L’esitazione di J.K. Rowling

La Rowling, all’inizio, era esitante nel vendere i diritti perché non voleva dare il controllo sul futuro della storia, permettendo così alla Warner Bros. di creare dei seguiti non autorizzati dall'autrice originale. Tuttavia, la famosa major riuscì a comprare i diritti del libro nel 1999, per un 1 milione di  sterline, purchè ne fosse rispettata l’integrità.

2. Il cast interamente britannico

La scrittrice insistette personalmente affinché il cast fosse completamente composto da attori britannici, così assunse Susie Figgis come direttrice dei casting, collaborando con Columbus nelle audizioni per la scelta degli interpreti di Harry, Ron e Hermione. I bambini dovevano leggere una pagina del libro “Harry Potter e la pietra filosofale”, se richiamati dovevano improvvisare la scena dell'arrivo degli studenti a Hogwarts, e infine dovevano interpretare parecchie pagine dalla sceneggiatura di fronte a Columbus.

3. Steven Spielberg voleva farne un film d’animazione

Steven Spielberg stava negoziando con la Warner per la regia, già qualche anno prima, ma poi non se ne fece nulla  perché il regista voleva realizzare o un film d'animazione con l'attore americano Haley Joel Osment come doppiatore di Harry Potter o un film che comprendesse anche elementi dei libri successivi.

4. Gli altri registi considerati prima di Columbus

Gli altri registi considerati, oltre Spielberg, sono: Chris Columbus, Terry Gilliam, Jonathan Demme, Mike Newell, Alan Parker, Wolfgang Petersen, Rob Reiner, Ivan Reitman, M. Night Shyamalan e Peter Weir. La Rowling voleva come regista Terry Gilliam, ma la Warner Bros. scelse Columbus, considerando il suo lavoro in altri film per famiglie come “Mamma, ho perso l'aereo” e “Mrs. Doubtfire – Mammo per sempre”.

5. Gli straordinari effetti speciali

Nel film sono presenti circa 600 riprese con effetti speciali con il coinvolgimento di numerose case di produzione. Le principali sono: La Industrial Light & Magic ha creato il volto di Lord Voldemort sulla nuca di Raptor, la Rhythm & Hues ha animato il drago Norberto mentre la Sony Pictures Imageworks ha realizzato la scena del Quidditch.

6. Il grande John Williams

John Williams, il grande compositore e direttore d'orchestra candidato ben 49 volte all’Oscar, venne scelto per comporre la colonna sonora del film. Williams lavorò alla composizione nelle sue case di Los Angeles e Tanglewood prima di effettuare le registrazione a Londra nell'agosto 2001. Uno dei temi principali è chiamato “Il tema di Edvige”.

7. Lo sterminato merchandising

Il film ha creato una vera esplosione di merchandising. Un videogame uscì per GameCube, PlayStation 2 e Xbox, nel 2003, e andò a ruba. La Mattel ottenne i diritti per produrre giocattoli basati sul film vendibili esclusivamente nei negozi della Warner Brothers, ma anche la Hasbro ha realizzato alcuni prodotti basandosi sulla pellicola. La Warner Bros. firmò un contratto di 150 milioni di dollari con la Coca-Cola per promuoverlo e con la LEGO per la realizzazione di una serie da costruire basata sugli scenari del film.

8. La scelta di Alan Rickman

Alan Rickman fu scelto personalmente da J.K. Rowling per il ruolo di Severus Piton, la quale gli diede anche consigli speciali e mirati affinchè interpretasse il ruolo al meglio. La scrittrice gli raccontò anche dettagli inediti sulla vita del personaggio, mai rivelati fino al romanzo finale.

9. Le nomination

Harry Potter e la pietra filosofale” è stato candidato a diversi premi, tra i quali gli Oscar per la Migliore colonna sonora, Migliore scenografia e migliori costumi. Nel settembre 2014 si è piazzato al 22° posto nella classifica dei film di maggiore incasso della storia del cinema ed è il secondo grande incasso della serie dietro al film conclusivo della saga stessa, “Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 2”.

10. Il cameo di Drew Barrymore

Nel draft originale della sceneggiatura, era previsto anche un cameo dell’attrice Drew Barrymore, grandissima appassionata dei libri di J.K. Rowling, ma in realtà nella pellicola finale non compare.

11. La partecipazione di Rosie O’Donnell e Robin Williams

Rosie O’Donnell e Robin Williams erano due delle celebrità che chiesero di avere un ruolo nel film senza ricevere compenso. Tuttavia, non sono mai apparsi nel film.

12. Il casting nelle scuole per trovare Hermione

Per effettuare il casting per il ruolo di Hermione, la produzione andò in parecchie scuole elementari del Regno Unito. Quando arrivarono in quella di Emma Watson, l’attrice non voleva assolutamente fare il provino, a differenza delle sue giovanissime coetanee. Fu la sua insegnante ad incoraggiarla e, pur essendo stata l’ultima a fare l’audizione, fu presa.

13. Tim Roth e Severus Piton

Tim Roth era il lizza per il ruolo del Professore Severus Piton, ma decise poi di non prendere parte al progetto per dedicarsi al film “The Planet of the Apes”, di Tim Burton, del 2001

14. L’astuzia di Tom Felton alle audizioni

L’attore Tom Felton non aveva mai letto nessuno libro della saga di “Harry Potter” prima del provino. Durante l’audizione per il ruolo di Draco Malfoy, all’attore fu chiesto quale fosse la sua parte preferita del primo libro e lui gli rispose “Quella dei Gringrotts”, riprendendo l’affermazione dell’attore che l’aveva preceduta. L’episodio divertì tantissimo il regista, tanto che quello fu uno degli elementi che lo portarono ad affidargli il ruolo.

15. Gli incassi sbalorditivi

In Italia il film ha ottenuto un incasso da record:  25.266.393 milioni di euro. Globalmente, il film ha incassato 974.755.371 milioni di dollari, di cui 317.575.550 solo negli Stati Uniti.

1.196 CONDIVISIONI
Harry Potter e la Pietra filosofale compie vent'anni e ritorna nei cinema di tutta Italia
Harry Potter e la Pietra filosofale compie vent'anni e ritorna nei cinema di tutta Italia
L'intera saga dei film di Harry Potter in streaming su Prime Video: come vederli gratis
L'intera saga dei film di Harry Potter in streaming su Prime Video: come vederli gratis
Le 10 curiosità di “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban” che ancora non sapevate
Le 10 curiosità di “Harry Potter e il prigioniero di Azkaban” che ancora non sapevate
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni