73 CONDIVISIONI
Oscar 2020

Martin Scorsese eroe degli Oscar 2020, dorme in platea e prende la standing ovation senza aver vinto

Alla cerimonia degli Oscar 2020 Scorsese è stato il grande sconfitto, dal momento che il suo The Irishman ha ricevuto zero statuette su 10 nomination. Il regista italoamericano si è però reso comunque protagonista della serata, grazie a una serie di spiritosi meme e al tributo del regista vincitore Bong Joon-Ho.
A cura di Valeria Morini
73 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Oscar 2020

Ogni show televisivo, si sa, ha il suo eroe involontario. Quello della Cerimonia degli Oscar 2020 è stato probabilmente Martin Scorsese, che dopo le sue discusse dichiarazioni contro i cinecomic Marvel è ormai diventato un personaggio commentatissimo sui social al di là della sua straordinaria carriera. Malgrado sia uscito a bocca asciutta dagli Oscar dal momento che il suo "The Irishman" non ha vinto neppure una statuetta (su 10 nomination), il regista italo-americano è stato a suo modo protagonista.

Martin Scorsese si appisola durante lo show di Eminem

Intanto, è divenuta immediatamente virale la scena con Scorsese evidentemente appisolato nel corso della cerimonia, in preda al sonno nel corso dell'esibizione di Eminem. Per tutti gli altri è stata una sorpresa inattesa, dal momento che il rapper non era atteso sul palco, per il cineasta è stato probabilmente solo un intermezzo all'interno di una cerimonia (effettivamente) interminabile. Il pubblico della rete si è scatenato a suon di meme e tweet, con particolare solidarietà da parte di quei coraggiosi italiani che hanno seguito la diretta fino alle 5 del mattino su Sky dopo cinque serate di maratona sanremese.

Il bellissimo discorso di Bong Joon-Ho dedicato a Scorsese e a Tarantino

A consolare Scorsese per la lunghezza della cerimonia e i mancati premi ci ha pensato Bong Joon-Ho, trionfatore assoluto della serata con il suo "Parasite" che ha vinto come miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura e miglior film internazionale. Il regista sudcoreano, che ha portato nel suo Paese il primo Oscar della storia assegnato come miglior pellicola a un film non in lingua inglese, ha voluto offrire un tributo a Scorsese nel suo discorso di ringraziamento, rivolgendo parole bellissime anche a Quentin Tarantino e agli altri candidati: "Quando ero a scuola di cinema, studiavo sui film di Martin Scorsese, e mai avrei potuto immaginare di essere un giorno qui con lui che mi guarda mentre ricevo l’Oscar al posto suo… Quentin Tarantino ha sempre messo i miei film nella lista dei preferiti anche quando non mi conosceva nessuno negli Usa. Todd (Phillips), Sam (Mendes), vi ammiro. Mi piacerebbe avere una motosega per condividere questo Oscar con tutti voi". Così, il pubblico, dopo aver tributato una standing ovation per Bong, ne ha riservata una pure a Scorsese, che si è visibilmente commosso alzandosi a sua volta e ringraziando il regista asiatico.

73 CONDIVISIONI
27 contenuti su questa storia
Morandi da Oscar con una canzone in Parasite:
Morandi da Oscar con una canzone in Parasite: "Vorrei conoscere il regista, spero venga in Italia"
Kylie Jenner, il segreto dell'abito degli Oscar: era così stretto che le impediva di sedersi
Kylie Jenner, il segreto dell'abito degli Oscar: era così stretto che le impediva di sedersi
Oscar 2020, siamo tutti pagliacci e parassiti
Oscar 2020, siamo tutti pagliacci e parassiti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni