Johnny Depp torna al cinema con “City of Lies – L'ora della verità”, di Brad Furman, incentrato sugli omicidi di Notorious B.I.G e Tupac Shakur. Al cinema ci saranno anche “Benvenuti a Marwen”, il nuovo film di Robert Zemeckis con Steve Carell, girato con un mix di live action e motion capture;  le commedie italiane “Non ci resta che il crimine”, diretta da Massimiliano Bruno e “Attenti al Gorilla”, per la regia di Luca Miniero, con Frank Matano e l’intenso “Una notte di 12 anni”, del regista  Álvaro Brechner.

“City of Lies – L'ora della verità"

Russell Poole è un ex-detective che ha dedicato la sua vita a due casi mai risolti, gli omicidi delle due star del rap Tupac Shakur e The Notorious B.I.G., avvenuti alla fine degli anni '90. Vent’anni dopo riceve la visita di Jack Jackson, un reporter dell’ABC che a sua volta legò a quel caso il suo unico momento di notorietà e oggi vede smantellate le teorie esposte nel documentario che gli valse un Emmy Award. I due s’immergono insieme in una nuova indagine, decisi a smascherare il coinvolgimento della corrotta polizia di Los Angeles.

“Benvenuti a Marwen”

Dopo una violenta aggressione, la vita del fotografo Mark Hogancamp è praticamente distrutta. L’uomo perde persino tutti i suoi ricordi. Nonostante il clima di preoccupazione che lo circonda e la vaga speranza di una possibile ripresa, per Hogancamp la svolta sembre però dietro l'angolo. Mettendo insieme pezzi della sua vecchia e nuova vita, creerà Marwen, una straordinaria città in piena guerra mondiale e territorio delle eroiche imprese della sua fantasia. La sua installazione finirà inoltre per ispirare una delle donne più potenti che conosce segnando quindi il trionfo dell'immaginazione sulla realtà.

“Non ci resta che il crimine”

Roma, 2018. Tre amici di lungo corso, spiantati ma molto creativi, decidono di organizzare un "Tour Criminale" di Roma alla scoperta dei luoghi simbolo della Banda della Magliana per fare tantissimi soldi. Con abiti d’epoca, jeans a zampa, giubbotti di pelle, stivaletti e Ray-Ban specchiati sono pronti per lanciarsi nella nuova impresa. Purtroppo, per un imprevedibile scherzo del destino, vengono catapultati negli anni ’80 nei giorni dei gloriosi Mondiali di Spagna e si ritrovano faccia a faccia con alcuni membri della Banda che all’epoca gestiva le scommesse clandestine sul calcio. Per non parlare dell’incontro con una vulcanica e dirompente ballerina che rischia di scombinare ancora di più le carte.

“Attenti al Gorilla"

Lorenzo Caputo è un avvocato fallito, che per recuperare la stima della sua famiglia e l’amore di sua moglie, decide di fare causa allo zoo della città. Ovviamente la vince, ma dovrà portarsi  a casa la maggiore attrazione della struttura: un intelligente gorilla. Da quel momento, la sua vita cambierà radicalmente e la convivenza col primate non sarà affatto semplice, seppur formativa per entrambi.

“Una notte di 12 anni”

Nel settembre del 1973, l’Uruguay è sotto il controllo di una dittatura militare e il movimento di guerriglia dei Tupamaros è stato smantellato un anno prima. Una notte d’autunno, però, nove prigionieri Tupamaro vengono portati via dalle loro celle nell’ambito di un’operazione militare segreta che durerà 12 anni. Da quel momento, saranno vittime di una nuova forma di tortura mirata ad abbattere le loro capacità di resistenza psicologica. L’ordine dell’esercito è chiaro: “Visto che non possiamo ammazzarli, li condurremo alla pazzia.” Per oltre un decennio, i prigionieri resteranno in isolamento, in minuscole celle dove trascorreranno la maggior parte del tempo incappucciati, legati, in silenzio, privati di necessità fondamentali, denutriti, e i loro sensi saranno ridotti ai minimi termini.