Nello scandalo che ha coinvolto Harvey Weinstein, spunta anche una pista italiana, legata a un personaggio di nome Fabrizio Lombardo. Un caso che merita un approfondimento a parte rispetto alla già complicatissima inchiesta sul produttore accusato di aver molestato sessualmente moltissime attrici negli ultimi 30 anni. Lombardo è stato in passato responsabile della Miramax in Italia e, secondo i media americani, avrebbe avuto il compito di procurare ragazze al potente tycoon hollywoodiano.

Il presunto coinvolgimento di Lombardo.

Il caso delle accuse di abusi e molestie a Weinstein sta avendo un'eco senza precedenti anche perché i nomi delle donne – attrici, modelle e dipendenti del mondo dello spettacolo – sta crescendo a dismisura (i nomi di Léa Seydoux e Cara Delevingne si sono aggiunti di recente). Il coinvolgimento, o presunto tale, di Lombardo è sostenuto dalla giornalista Sharon Waxman, ex cronista del New York Times che indagò su Weinstein già nel 2004. Secondo la Waxman – oggi alla guida del sito The Wrap – il vero lavoro di Lombardo sarebbe stato quello di organizzare serate con escort per il potentissimo produttore. Con frequenti viaggi in Italia e l'intervista a personaggi coinvolti (tra cui una modella rimasta anonima che avrebbe confermato il ruolo di Lombardo come "procacciatore di donne"), la Waxman era a un passo dal pubblicare la sua inchiesta. È a questo punto che si inserisce la vicenda di Matt Damon e Russell Crowe, che sarebbero intervenuti in prima persona per bloccare l'articolo della giornalista.

Asia Argento sul produttore italiano.

Di Lombardo parla ora sul web anche Asia Argento, che ha rivelato di essere stata stuprata da Weinstein nel lontano 1997, quando aveva solo 21 anni. L'attrice e regista italiana ricostruì in modo fedele la vicenda nel suo film "Scarlet Diva", ma solo in questi giorni ha avuto il coraggio di confessare che quei fatti accaddero davvero. In un tweet, la Argento ha coinvolto il produttore italiano nei fatti che precedettero la violenza sessuale

Fu Fabrizio Lombardo a portarmi nella stanza di Weinstein quando avevo 21 anni nel 97. Mi disse che sarebbe stato un party della Miramax. Ma là c'era solo Harvey.

Chi è Fabrizio Lombardo.

Lombardo, classe 1967, ha portato i film dei fratelli Weinstein nel nostro Paese aprendo la Miramax Italia nel 1999. Vi ha lavorato fino all'agosto 2003 percependo però stipendio fino al 31 luglio 2014. Ecco perché la Miramax intentò poi causa nei suoi confronti: secondo il New York Times, avrebbe svolto tra settembre 2003 e la data suddetta un altro lavoro per la Ricucci Group. Lombardo è tra l'altro marito di Chiara Geronzi, figlia dell'ex presidente di Capitalia e di Mediobanca Cesare Geronzi, e indagata nel 2006 in un'inchiesta come dirigente della società Gea World (indagine da cui sarebbe poi scaturito lo scandalo Calciopoli). La posizione della Geronzi venne poi archiviata senza rinvio a giudizio.